Leopardi. L'alba del nichilismo di Luigi Capitano

Leopardi. L'alba del nichilismo

Titolo del libri: Leopardi. L'alba del nichilismo

Editore: Orthotes

ISBN: 8893140624

Autore: Luigi Capitano


* You need to enable Javascript in order to proceed through the registration flow.

Primary: Leopardi. L'alba del nichilismo.pdf - 41,624 KB/Sec

Mirror [#1]: Leopardi. L'alba del nichilismo.pdf - 34,748 KB/Sec

Mirror [#2]: Leopardi. L'alba del nichilismo.pdf - 41,740 KB/Sec

Luigi Capitano con Leopardi. L'alba del nichilismo

Questo volume mostra quanto il pensiero di Leopardi sia ancora vivo e in grado di gettare luce sui destini dell'Occidente. «Da dove proviene il più inquietante dei nostri ospiti?», chiedeva Nietzsche. Il poeta-pensatore di Recanati è stato il primo a suggerire delle risposte che aprono squarci illuminanti e premonitori sui grandi rivolgimenti della modernità e su un mondo che appare sempre più desertificato dalla ragione tecnica e calcolante. Leopardi si rivela non solo il più radicale precursore della nostra epoca, ma anche il primo inavvertito genealogista del «nichilismo europeo». I preludi di tale complesso fenomeno, che rimandano in parte alla sapienza negativa degli antichi, vengono rintracciati in una stratificata crisi del senso e dei fondamenti che finisce col sovvertire il primato ontologico dell'essenza. Da questa serrata ricostruzione della modernità spinta fino alle soglie della contemporaneità emerge l'immagine di un Leopardi spaesato (e ribelle) metafisico all'alba di un mondo «fatto a rovescio». Ma la scoperta leopardiana dell'assurdo, lungi dal cedere l'ultima parola alla disperazione, lascia una finestra aperta sul «paese delle chimere». Tutto il dramma di un'anima e di un'epoca si gioca così fra gli abissi opposti del nulla (poetico) e del niente (razionale). Accanto a un suggestivo scavo sulle figure orientali del nihil positivum, questo rimane l'esito forse più sorprendente di un'indagine poderosa che riesce peraltro a misurarsi con le massime interpretazioni del nichilismo leopardiano (da Nietzsche a Severino).